Climatizzazione e comfort

Misurare regolarmente la qualità dell'aria ambiente e del livello di comfort ti permettono di impostare correttamente il clima negli ambienti di lavoro per il benessere, le prestazioni del personale, riducendo le malattie...

Misurare regolarmente la qualità dell'aria ambiente e del livello di comfort ti permettono di impostare correttamente il clima negli ambienti di lavoro per il benessere, le prestazioni del personale, riducendo le malattie.

 

Scarica in formato PDF "la Guida pratica misura del livello di comfort sul posto di lavoro"                                                                            

Qualità dell'aria ambiente (IAQ)
La concentrazione di biossido di carbonio è considerata uno degli indicatori primari per il benessere in ambiente.
Alte concentrazioni di CO2 causano stanchezza, cattiva concentrazione e posseno essere causa di malattie.
Generalmente il valore della CO2 non deve superare i 1,000 ppm. Valori tra i 700 e i 1,500 ppm sono valori in ogni caso accettabili...

Livello di turbolenza (velocità dell'area)
La velocità dell’aria all’interno di un locale influisce direttamente sul benessere termico.
Il grado di turbolenza esprime l’oscillazione e l’intensità della velocità dell'aria, occorre quindi misurare in modo preciso la temperatura dell’aria e il grado di turbolenza.

Umidità e Temperatura
Valutare come raggiungere un ottimale livello di comfort sulla base della misura di temperatura e umidità relativa è importante quando si deve progettare un impianto di riscaldamento e ventilazione. Le linee guida raccomandano che i valori di umidità relativa devono essere compresi tra il 30% e il 65%.

Livello di pressione acustica
I rumori emessi dai canali di ventilazione o dagli impianti di condizionamento devono essere limitati e variano a seconda dell'area da misurare e dall'ambiente. Inoltre sono ideali per la misurazione professionale del rumore sul posto di lavoro e in luoghi pubblici, nell'industria e nella produzione...

Intensità luminosa
Gli esseri umani sono "diurni": ciò significa che siamo abituati a un'intensità luminosa pari a quella disponibile durante il giorno. Per questo motivo, condizioni di luce insufficiente o cattiva illuminazione possono essere identificate come causa di stanchezza. Una adeguata illuminazione sul posto di lavoro fa si che il personale sia in grado di svolgere bene le proprie mansioni. Aiuta a prevenire errori, evita la stanchezza e mantiene l'attenzione.

Comfort (PMV/PPD)
Il senso di benessere (comfort termico) in una zona, dipende da una serie di particolari fattori:
- la temperatura dell'aria interna; - la temperatura di radiazione; - La velocità dell'aria; - l'umidità relativa dell'aria interna.

Lo standard internazionale ISO 7730 combina tutti questi parametri per la misurazione PMV / PPD. Il PMV è un indice che predice il valore medio di valutazione del comfort di un grande gruppo di persone.

Calore radiante
La regolare misura della qualità dell'aria ambiente e del benessere termico riduce il rischio di malattie e aiuta, soprattutto nei luoghi di lavoro, a migliorare il rendimento.