L'ISTITUTO IMMACOLATA CONCEZIONE (ISTITUTO IC) è una scuola elementare, una scuola materna e un asilo nido a Milano.

Da quando il blocco iniziale è iniziato nel marzo 2020 la scuola ha iniziato a cercare la soluzione più adatta per riaprire il settembre successivo. Sono state esaminate molte possibili precauzioni di sicurezza per consentire alla scuola di operare con tutti gli studenti presenti nelle aule. I genitori, gli insegnanti, il personale scolastico e la direzione hanno unito le forze per ripensare l'organizzazione della scuola al fine di minimizzare il più possibile i rischi del COVID-19.


È successo che uno dei genitori degli studenti fosse il Prof. Ciribini, ricercatore in ingegneria civile e architettura presso l'Università degli Studi di Brescia . Il suo lavoro negli ultimi anni si è concentrato su possibili miglioramenti delle strutture educative. Ha coinvolto un team di ricercatori di varie università, al fine di indagare sul caso e fornire supporto, consulenza e competenza per consentire una riapertura sicura della scuola dopo il blocco iniziale.

Uno degli elementi chiave per garantire un ritorno sicuro alla scuola è una buona qualità dell'aria. Poiché una delle principali vie di trasmissione del virus SARS-CoV-2 avviene tramite aerosol dispersi nell'aria, è necessario garantire una buona ventilazione degli spazi interni. Nelle stanze senza ricambio d'aria il virus può persistere nell'aria e rimanere infettivo per diverse ore, quindi garantendo un sufficiente ricambio d'aria questo rischio di contagio può essere notevolmente ridotto.

Abbiamo calcolato il tasso di cambio d'aria teorico all'ora in base alle caratteristiche di ciascuna classe - la sua geometria, posizione delle finestre ecc. Sulla base dei modelli forniti dal Prof. Jose-Luis Jimenez  - l'esperto di fama mondiale sull'aerosol COVID-19 trasmissione, e anche consultando pediatri e pneumologi abbiamo deciso di installare monitor di CO2 nella scuola ". - spiega il Prof. Ciribini.


Sono  stati installati 15  dispositivi Aranet4 in tutte le aule e nella mensa per monitorare la qualità dell'aria e fornire indicazioni per una regolare ventilazione di tutte le stanze dove gli studenti trascorrono il loro tempo durante l'orario scolastico. Tutti i sensori sono stati collegati alla  stazione base Aranet PRO che è stata predisposta per trasmettere i dati tramite protocollo MQTT al server universitario per un'analisi più dettagliata.


Paolo Bellagente,  ricercatore dell'Università di Brescia che ha curato l'implementazione tecnica del progetto, ha commentato:

Il processo di installazione è stato semplice - il sistema funzionava“ out-of-the-box ”. A causa della licenza MQTT l'estrazione dei dati è stata semplice. La stazione base Aranet si trova all'interno della rete ICT della scuola ed è collegata ai nostri server in modo sicuro e criptato. È molto sicuro, molto veloce e facile da configurare. Abbiamo impostato la parte di comunicazione in meno di un minuto.

Dall'inizio dell'anno accademico fino a marzo (quando in Lombardia è stato attuato un blocco a livello regionale) ISTITUTO IC ha lavorato di persona con il regolare programma delle lezioni. Hanno introdotto diverse precauzioni:

  • Coordinamento dell'ingresso e dell'uscita delle persone, modellato su simulazioni.
  • Misurazioni della temperatura corporea con un termometro a infrarossi.
  • Flussi rigidi e separati dei bambini tra le classi per ottimizzare le distanze fisiche.
  • Utilizzo programmato della mensa con minima sovrapposizione per i bambini della scuola primaria.
  • I bambini dell'asilo nido e dell'asilo pranzano in aula e non in mensa.
  • Uso di maschere chirurgiche e FFP2 e rivestimenti facciali per insegnanti e studenti della scuola primaria.
  • Uso del dispenser di gel igienizzante per le mani.
  • Aree giochi separate per ogni gruppo di bambini, anche all'esterno.
  • Protocolli specifici per la pulizia e sanificazione degli ambienti secondo le linee guida.
  • Protocolli specifici per la gestione dei casi di infezione sospetta e confermata di Covid-19, secondo le linee guida.
  • Aranet4 per il monitoraggio della qualità dell'aria nelle aule e in mensa.

Penso che Aranet4 sia molto utile e ne consiglierei l'utilizzo in qualsiasi scuola poiché può essere considerato uno strumento necessario per monitorare la qualità dell'aria interna. Può informare tempestivamente sulla necessità di ventilazione per evitare la diffusione del virus. Soprattutto in inverno, quando è impossibile tenere le finestre costantemente aperte, è molto utile avere un indicatore del target della necessità di ricambio d'aria, aiutando così a mantenere un equilibrio tra temperatura interna e qualità dell'aria ". - dice Cristina Racchi, dirigente scolastico.

Prima dell'inizio del nuovo semestre tutto il personale della scuola è stato formato per seguire un protocollo di salute e sicurezza con particolare attenzione alle raccomandazioni di base - uso di maschere, allontanamento sociale, igienizzazione delle mani, sanificazione degli ambienti, ventilazione regolare degli ambienti.

Quando sono stati installati i dispositivi Aranet4, tutti gli insegnanti e il personale sono stati istruiti su come utilizzare le informazioni fornite dai dispositivi. Quando il livello di concentrazione di CO2 misurato si avvicina a 1000 ppm, le finestre vengono aperte finché il livello non scende al di sotto di 700 ppm.

Soprattutto nella mensa, luogo a maggior rischio dato che molti bambini di classi diverse si uniscono, Aranet4 si rivela molto utile con il suo monitoraggio continuo.

A differenza di altre scuole, dove una singola infezione ha causato molto contagio diffondendosi rapidamente, nella nostra scuola abbiamo avuto solo 4 casi (tra studenti, non tra insegnanti o altro personale della scuola) e questi 4 casi sono stati prontamente isolato, senza diffondersi ad altri studenti. Questa è la prova che il protocollo di prevenzione da noi adottato funziona correttamente e ARANET4 è parte di questo successo ". - dice Cristina Racchi, dirigente scolastico.