CO2 e COVID-19 nei Ristoranti

Il CO₂ è un gas che espiriamo e la sua concentrazione indica se il ricambio d'aria è sufficiente. La Federazione delle associazioni europee di riscaldamento, ventilazione e condizionamento d'aria (REHVA) raccomanda un tasso di ricambio d'aria di 60m³ / h per persona. Ciò equivale a una concentrazione di CO₂ di 800 ppm.

Le linee guida dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) affermano che COVID-19 può essere diffuso tramite piccole goccioline e aerosol.

Questi virus contenenti aerosol possono rimanere nell'aria per diverse ore.

Un corretto ricambio d'aria e ventilazione possono abbreviare questo intervallo di tempo di 10 volte.

Aranet4 è il dispositivo perfetto per monitorare il tasso di ricambio dell'aria. Avvisa quando la qualità dell'aria è diventata malsana e dovresti prenderti cura del flusso d'aria nel tuo ristorante.



Inoltre, le letture della qualità dell'aria possono essere visualizzate sugli schermi TV, in modo che il personale ei clienti possano sapere che sono al sicuro.





Gli ambienti interni sono i luoghi più pericolosi quando si tratta di rischio di contagio COVID-19.

L'attività di ristorazione nel mondo post pandemia richiede di garantire ai tuoi clienti che le tue strutture siano sicure per cenare. Poiché COVID-19 può essere trasmesso tramite aerosol, piccole goccioline che possono rimanere nell'aria per diverse ore. Una distanza sicura non è sufficiente; deve essere garantito un adeguato ricambio d'aria.