Pericolosità delle nano particelle per la salute

Sul posto di lavoro, nel traffico stradale, durante il riscaldamento e perfino nelle cleanroom: le nanoparticelle sono
presenti in quasi tutti i settori e creano problemi sanitari.

Nonostante l’enorme importanza di queste minuscole particelle, spesso si rinuncia a misurarle dettagliatamente a causa delle dimensioni e della complessità degli strumenti necessari.
Con i misuratori TESTO di nanoparticelle, queste misure possono essere effettuate facilmente, ovunque e con la semplice pressione di un pulsante...

Lo strumento testo DiSCmini ti permette di misurare la concentrazione di particelle ultrasottili (UFP) nelle seguenti applicazioni:
•Esposizione del personale.
•Tutela del lavoro.
•Qualità dell'aria ambiente.
•Qualità dell’aria esterna (ad es. città)
 

Le nanoparticelle sono sempre intorno a noi, ma non ci accorgiamo della loro presenza. Proprio perché sono così piccole, sono anche le più pericolose.

Particolarmente a rischio sono:
•Le aree pubbliche ad alta densità di traffico (particolato diesel).
•I posti di lavoro dove si effettuano brasature e saldature (formaldeide, ossidi metallici).
•Le fonderie (fenoli).
•Gli uffici (polveri del toner per stampanti e fotocopiatrici)
.

Dal momento che le particelle di particolato sono tra gli inquinanti ambientali più pericolosi, TESTO realizza l’analizzatore di particelle testo NanoMet3. Misura il numero e il diametro medio delle nanoparticelle solide ai sensi della procedura di omologazione “Real Driving Emissions” della norma sui gas di scarico Euro 6c


Applicazioni tipiche:
•Misura del numero di particelle secondo RDE per l’omologazione ai sensi della norma Euro 6c
•Determinazione del numero di particelle per la ricerca e lo sviluppi di filtri antiparticolato.
•Caratterizzazione delle emissioni di particolato prodotte da motori a benzina e diesel